In difesa del frullatore

May 13 , 2020

Pino Maffei

In difesa del frullatore

Tra i seguaci della alimentazione vegetale il frullatore sembra quasi scomparso, in favore di centrifuga ed estrattore.
In questo articolo voglio invece difendere il frullatore, e ve ne spiego la ragione.

Il motivo principale sta tutto nella presenza della fibra!
Molto spesso nella nostra alimentazione moderna, quale che sia il regime alimentare seguito, si presta attenzione alle percentuali dei tre principali nutrienti, carboidrati, grassi e proteine, bilanciandoli, o cercando di bilanciarli secondo le proprie necessità, e trascurando la fibra.
Così, abituati ad assumere per lo più prodotti raffinati, farina bianca, zucchero raffinato, pasta bianca, pane bianco, legumi decorticati, si finisce con l’assumere troppo poca fibra.
Estrattore e centrifuga a loro volta, eliminano quasi tutta la fibra da frutta e verdura.

La fibra è fondamentale per regolare il transito intestinale, per ridurre l’assorbimento del colesterolo (l’alimentazione vegetale non ha questo problema, ma quella vegetariana sì!) ed anche, fattore spesso trascurato, per compensare l’elevata assunzione di fruttosio da parte di chi mangi tanta frutta, ed il fruttosio in eccesso, senza una giusta quantità di fibra, può essere causa di molte malattie e disturbi, tra cui insulino-resistenza, sindrome metabolica e diabete.
Gli estratti di frutta, pur contenendo molte vitamine attive, sono un concentrato di fruttosio liquido, quindi… attenti a non esagerare!

Secondo i LARN (Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti ed energia), un adulto dovrebbe assumere ogni giorno circa 25-35 grammi di fibra, considerando una dieta standard di 2000 kcal.

Il frullato, soprattutto se la frutta viene ben lavata ma non sbucciata,  ha un elevato potere saziante, esso contiene infatti tutte le fibre della frutta e della verdura ed è particolarmente indicato per chi abbia bisogno di perdere peso. Infatti, con pochissime calorie, utilizzando anche tanta verdura, si riesce a creare uno spuntino saziante, dal sapore gradevole e ricco di micronutrienti indispensabili.

Per quanto riguarda il deterioramento delle vitamine, mediante riscaldamento ed ossidazione, lo strumento peggiore è la centrifuga, perché l’elevata velocità di rotazione (circa 18.000 giri al minuto) fa sì che si raggiungano elevate temperature, anche superiori ai 70°C.
Questo è causa della perdita di gran parte delle vitamine termolabili presenti nella verdura e nella frutta, come l’acido ascorbico (vitamina C), l’acido pantotenico (vitamina B5), l’acido folico (vitamina B9), il retinolo e beta-carotene (vitamina A) e il tocoferolo (vitamina E).

L’estrattore invece lavora a bassa velocità, in genere sotto i 45 giri/minuto, e preserva le vitamine, pur eliminando tutta la fibra. Consideriamo anche che l’estrattore non si presta a trattare frutta e verdura pastose o grasse, come albicocche, banane, fichi, avocado, zucchine…

Il frullatore, sebbene comporti un certo riscaldamento del prodotto in prossimità delle lame, non raggiunge mai le temperature della centrifuga, e, rispetto all’estrattore, preserva tutta la fibra e si presta a trattare qualsiasi tipo di frutta o verdura.

Ad esempio un frullato con della frutta, della verdura, un pezzo di avocado, alcuni semi oleosi (zucca e girasole) e qualche noce rappresenta un ottimo sostituto del pasto.

Chiarito dunque perché io sono favorevole all’uso del frullatore, vi dirò che faccio uso anche dell’estrattore, principalmente per due funzioni:
-ricavare la fibra asciutta dalle carote e barbabietole, utilissima per preparare molti piatti, sia crudi che cotti, dolci o salati;
-trattare legumi e noci per ricavare latti vegetali e parte asciutta utilizzata per preparazioni dolci e salate.

Dunque frullatore prima di tutto, e quando serve anche estrattore.... mi spiace per la centrifuga!

Ora voglio proporvi tre frullati che adoro, ottimi per uno spuntino.

 

FRULLATO VERDE

-Spinaci

-Mela

-Kiwi

-Limone

-Piselli freschi o surgelati

-Alga spirulina

 

 

 

 

FRULLATO VIOLA

-Carote

-Barbabietola

-Mirtilli, freschi o surgelati

-Fragole o altra frutta di stagione

-Un cucchiaio di latte di cocco denso

 

 

 

 

 

FRULLATO GIALLO

-Carote

-Arance

-Ananas

-Mango

-Due cucchiai di noci (arachidi crude, nocciole, mandorle) precedentemente polverizzate con un macinacaffè 

 

 

 

 


Articoli precedenti